Ai nastri di partenza Samsung Smart Things per la formazione dei futuri protagonisti della trasformazione digitale

I primi corsi di formazione Samsung Smart Things al via in collaborazione con l’Università di Bari

Samsung Electronics Italia ha annunciato la nascita di Samsung Smart Things, un’iniziativa formativa che prende il via con la collaborazione dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. A seguire, l’iniziativa vedrà la partnership delle Università di Salerno e Pisa. Samsung Smart Things è stata pensata e progettata per accompagnare gli studenti universitari lungo un percorso formativo sull’innovazione che possa aprire nuovi scenari professionali in ambito digitale.

Specialisti per il futuro

Samsung Smart Things e le istituzioni universitarie coinvolte nel progetto metteranno a disposizione l’esperienza e la competenza dei propri ingegneri, aiutando gli studenti a scoprire e a far emergere il proprio potenziale dotandoli di competenze utili per il futuro. Inoltre, offrirà loro la possibilità di una comprensione pratica delle tecnologie che daranno forma all’innovazione e arricchiranno la crescita sostenibile del mondo.

Il progetto Samsung Smart Things è indirizzato agli studenti dell’area tecnico-scientifica, soprattutto nei settori dell’AI (Intelligenze Artificiali), IoT (Internet of Things) e delle soft skills trasversali necessarie per guidare la trasformazione digitale. Tutti gli studenti con profili STEM regolarmente iscritti ai corsi di laurea triennale dell’università, interessati a prendere parte al progetto Samsung Smart Things in collaborazione con l’Università di Bari Aldo Moro, possono iscriversi al Test di Ammissione accedendo a questo link entro l’8 gennaio 2021.

Il corso Samsung Smart Things prevede cento ore di lezioni online, 65 ore di lezioni in aula presso l’università e 80 ore di sviluppo di un project work in team. I migliori cinque studenti, valutati secondo il punteggio acquisito nel project work e nel test finale del corso, e che avranno frequentato almeno il 90% delle lezioni, riceveranno un riconoscimento economico di 1.500 euro. Il corso è gratuito e vengono ammessi solo i migliori 25 studenti sulla base del risultato di un test di ammissione. Si svolgerà presso l’Università di Bari nei mesi di febbraio e marzo 2021, per concludersi con lo svolgimento del project work finale e la selezione dei migliori cinque studenti ad aprile 2021.

Un premio per i migliori cinque studenti

Anastasia Buda, Corporate Social Responsibility Manager di Samsung Electronics Italia, commentando l’iniziativa ha detto: “Da quasi 30 anni, la nostra azienda s’impegna in Italia per la diffusione della cultura dell’innovazione e del digitale. Con Samsung Smart Things, cerchiamo di fornire agli studenti strumenti utili e competenze aggiornate per affrontare al meglio il mondo del lavoro, sempre di più alla ricerca di professionisti dotati del giusto mix tra soft skill e competenze digitali. In questo contesto, siamo entusiasti di avviare questa nuova esperienza in collaborazione con l’Università di Bari, con l’obiettivo di fornire ai giovani studenti dell’ateneo barese la possibilità di essere ancora più qualificati e competitivi per diventare i futuri protagonisti della trasformazione digitale”.

Il prof. Stefano Ferilli, responsabile della convenzione Smart Things per l’Università di Bari, ha detto: “Pioniera in Italia della formazione in campo informatico, da oltre 50 anni l’Università di Bari forma professionisti di grande qualità con competenze all’avanguardia nelle tecnologie digitali. Nel solco di quest’esperienza, è per noi un immenso piacere proseguire questa formazione di eccellenza nel campo dell’innovazione in partnership con Samsung, azienda leader a livello mondiale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Il corso Smart Things, di cui siamo lieti di essere gli apripista, esprime perfettamente il nostro desiderio di coniugare la formazione universitaria con gli sbocchi professionali, e rappresenta un’opportunità preziosa per gli studenti migliori dei nostri corsi di laurea di affinare e completare le loro competenze”.

envelope-ofacebook