Ambienti Smart: la camera da letto dei sogni è intelligente

Continuiamo il nostro progetto di una casa intelligente completa con le migliori idee e gli accessori per una camera da letto smart, un "rifugio" in cui rilassarsi

A meno che non siamo adolescenti o condividiamo la casa con altre persone, è probabile che il tempo che passiamo in camera da letto si esaurisca poco dopo essersi svegliati e inizi poco prima di prendere sonno. Ma questa "regola" ha così tante eccezioni che molto probabilmente vale la pena di avere, oltre agli altri ambienti, anche una camera da letto smart. Per esempio, potrebbe piacerci guardare la TV a letto, oppure leggere qualcosa e ascoltare un po' di musica. Oppure la camera da letto è il luogo in cui abbiamo ricavato lo spazio per un po' di allenamento mattutino. In ogni caso, come sappiamo, i dispositivi smart sono dei veri campioni quando si tratta di migliorare la qualità della nostra vita

Ecco alcune funzioni che possiamo usare per trasformare la camera da letto in un ambiente smart.

Impostiamo le luci smart in base alle nostre abitudini

L'illuminazione smart è un po' un classico di qualsiasi ambiente, dal salotto al bagno. Questo sia perché si tratta a tutti gli effetti di una delle funzionalità più semplici e pratiche, sia perché si tratta di una delle tecnologie più consolidate. Praticamente ogni produttore fornisce supporto per qualsiasi assistente vocale e qualsiasi hub, e in genere il tutto si configura in minuti con poche difficoltà.

Nel caso della camera da letto, il massimo del vantaggio possiamo averlo dalle routine dei nostri assistenti vocali. Grazie a queste infatti possiamo accendere o spegnere le luci, ma anche variarne l'intensità, in funzione dell'orario. In questo modo possiamo creare automaticamente un'atmosfera più rilassante a partire da una certa ora, oppure impostare un'accensione graduale per aiutarci con la sveglia mattutina.

Le tende smart ci permettono di gestire al massimo l'illuminazione

Sicuramente se abbiamo la possibilità di fare interventi strutturali il fatto di poter installare alcune tapparelle smart ci permette un ottimo livello di controllo sull'illuminazione (e la temperatura) di casa. Esistono anche prodotti come quelli di Elero che permettono di motorizzare le tapparelle di tipo tradizionale. Ma se non ci sono ristrutturazioni o interventi di una certa portata in vista, possiamo comunque gestire la luce usando del tende smart. I modelli più semplici e pratici sono del tipo a rullo e si possono interfacciare con i nostri hub per la casa intelligente, le App e gli assistenti vocali. Questa tecnologia sta diventando così interessante per il mercato che anche Ikea ha a catalogo un paio di modelli di tende smart. 

Ambienti smart camera da letto tende Ikea

Naturalmente qui possiamo fare un discorso analogo a quello delle luci e includere nelle nostre routine anche la gestione delle finestre. Oppure, se vogliamo lanciarci in progetti più elaborati, possiamo integrare sensori di temperatura o di luminosità e impostare le automazioni che permettano alle tende (e alle luci) di attivarsi in autonomia.

Assistente vocale in camera da letto: si o no?

Molto dipende dalla nostra idea di riposo e da come vogliamo vivere la nostra camera da letto. Ma prima di scartare del tutto l'idea, consideriamo che un hub con schermo può serenamente fare le veci di una radiosveglia, con tutti i vantaggi che conosciamo anche in termini di funzionalità, dalla temperatura esterna al meteo, passando per la possibilità di leggerci le ultime notizie come sveglia.

Comunicare tramite smart speaker Google

La possibilità di gestire e controllare la nostra smart home, per esempio dando un'occhiata alle telecamere di sicurezza, di creare semplici promemoria con la voce e fare rapide ricerche costituiscono un vantaggio considerevole. Se siamo comunque propensi alla "dieta digitale" consideriamo questo: fare tutte queste operazioni da un assistente vocale anziché dallo smartphone, significa, per esempio evitare la "trappola" delle notifiche dei social e degli altri canali di comunicazione

Controllare la temperatura

Se c'è un posto di casa dove la temperatura  importante questo è senza ombra di dubbio la camera da letto. Per questo motivo vale senza dubbio la pena di inserire un controllo intelligente della temperatura, possibilmente coordinato con un termostato smart, magari collegato anche alle tende o alle persiane che abbiamo visto. Sempre rimanendo in tema di controllo della temperatura, i condizionatori smart sono così noti che potremmo fare a meno di nominarli (LG per esempio ha a catalogo un numero di prodotti dotati di Wi-Fi superiore a quelli che ne sono sprovvisti).

Ambienti smart camera da letto climatizzatore

Ma per chi preferisce un tipo di fresco più vecchia scuola esistono anche ventilatori smart, sia a pavimento, per esempio JF41 di Jimmy, sia a soffitto, come l'interessante Haiku dell'azienda Big Ass Fans.

Abbiamo un vecchio condizionatore? Non serve cambiarlo

Se abbiamo un vecchio modello di condizionatore del tipo tradizionale dotato di telecomando ma vogliamo apprezzare i benefici della smart home, la buona notizia è che non ci serve cambiarlo. Sul mercato infatti sono disponibili alcuni dispositivi chiamati dongle che permettono, come suggerisce il nome, di fare da "ponte" fra i dispositivi a infrarossi e le nostre applicazioni per la smart home.

Il meccanismo è molto semplice a quello dei telecomandi universali: questi dispositivi sono in grado apprendere gli impulsi del nostro telecomando e ripeterli a comando, in questo caso attraverso le diverse infrastrutture per la smart home. Ne esistono di moltissimi tipi, ma qui vale la pena di ricordare IR Universal Remote RM4 Mini di Broadlink per la fascia economica e V3+ di Tado, un dispositivo di fascia alta.

Rifiniamo la nostra camera da letto smart: i gadget

I gadget sono molto più di una rifinitura o uno sfizio quando si parla di smart home: possono fare la differenza fra un progetto finito e uno a cui manca qualcosa. In questo caso quello che dovremmo prendere in considerazione è un sistema per la ricarica wireless, se i nostri smartphone la supportano. 

Ne esistono davvero di tutti i tipi. La scelta più estrema è quella di scegliere un nuovo comodino con la stazione di ricarica integrata. In alternativa, le due "scuole di pensiero" principali sono la basetta orizzontale, su cui appoggiare semplicemente lo smartphone, e lo stand di ricarica che mantiene il telefono in posizione quasi verticale. Quest'ultimo è particolarmente utile se non prevediamo un Hub con schermo: ci penserà il telefono a svolgere questa funzione. 

Infine, se la radiosveglia è uno degli oggetti a cui non sappiamo rinunciare, niente vieta di unire il meglio di due mondi. Esistono infatti modelli in grado di svolgere tutte le funzioni tradizionali ma anche di fare da speaker bluetooth, per esempio, come questo modello di Oregon Scientific

envelope-ofacebook