Ambienti smart: la camera dei bambini

La tecnologia può essere un grande aiuto, soprattutto per i neo genitori. Ecco alcune delle soluzioni più interessanti per la smart home da applicare nella camera dei bambini per renderla più sicura, funzionale e divertente.

Diventare genitori è un passaggio importante e decisamente non semplice. Soprattutto nei primissimi mesi di vita del neonato, l'impressione di avere bisogno di molto più tempo per fare qualsiasi cosa è sempre presente. Quindi, perché non farci aiutare dalla nostra smart home? Ecco alcune delle principali soluzioni che possiamo mettere in pratica nella camera dei bambini.

I dispositivi smart per la camera dei bambini

Naturalmente il punto di partenza è uno smart speaker, tendenzialmente a scelta fra Alexa di Amazon o l'assistente vocale di Google. Questi dispositivi hanno molte potenzialità ma soprattutto, come sappiamo, ci danno l'accesso ai comandi vocali. E già solo la possibilità di accendere le luci o trasmettere qualche canzone per bambini mentre abbiamo le mani occupate dal nostro pargolo è senza dubbio un vantaggio. Che diventa ancora più evidente man mano che aggiungiamo altri dispositivi smart alla nostra cameretta. 

In questo caso la scelta migliore sono i dispositivi standard, cioè quelli senza monitor. Quest'ultimo infatti può essere un elemento di distrazione considerevole per i più piccoli.

Lampadine smart

Come abbiamo accennato, la possibilità di gestire senza mani alcuni degli aspetti più pratici della stanza dei bambini è senza dubbio vantaggioso. Inoltre le lampadine smart sono sempre uno dei punti di partenza favoriti per un progetto, anche per la loro semplicità di gestione.

Musica

Un altro aspetto più che noto degli assistenti vocali è la possibilità di riprodurre musica. Se abbiamo la cura di preparare qualche playlist, magari per la buona notte e per il risveglio, avremo un importante aiuto

Comunicare tramite smart speaker Amazon

Ricordiamoci inoltre che grazie alle routine possiamo per esempio usare un semplice comando per esempio per abbassare le luci e impostare una playlist di ninnananne. 

Storie per bambini

Parliamoci chiaro: poche cose sono belle e meritano di essere vissute come addormentare i nostri bambini con una ninnananna o una favola della buona notte. Ma sappiamo anche che non tutti i giorni sono uguali, e magari ci sono giorni in cui non abbiamo la possibilità di farlo. In questo caso possiamo farci aiutare dai nostri assistenti digitali. Alexa dispone già di alcune skill in grado di aiutarci, raccontando favole anche in italiano. Per quanto riguarda Google Home abbiamo a disposizione una funzione ancora più interessante. Grazie al sito My Storytime infatti possiamo registrare una favola o un racconto quando possiamo, per poi fare in modo che lo smart speaker la riproduca a comando.

Camera bambini smart my storytime

Sveglie e liste della spesa

Per finire, ricordiamoci che tutti gli assistenti vocali dispongono di funzioni per impostare timer e sveglie, per esempio se stiamo cullando il piccolo mentre si scalda la pappa o dobbiamo ricordarci di preparare un pasto. Inoltre la funzione legata alle liste della spesa ci permette di aggiungere, sempre al volo e sempre attraverso la voce, le cose da comprare che poi potremo consultare sul nostro smartphone

Baby Monitor

Il mondo dei baby monitor è talmente ampio che meriterebbe un capitolo a parte. Ma, come per tutti gli altri piccoli e grandi elettrodomestici, esistono alcuni modelli in grado di interfacciarsi con i nostri assistenti, e arricchire le funzionalità tipiche di questi dispositivi. Per esempio, una delle maggiori comodità è quella di poter monitorare i piccoli attraverso lo smartphone, anziché con un ricevitore dedicato, permettendoci di spostarci in modo più agile. Naturalmente, se abbiamo una smart home completa con più hub e smart speaker, possiamo usare questi invece dello smartphone. 

La comodità di integrare le funzioni con quelle della Smart Home è tale che alcuni produttori hanno iniziato a creare set completi che includono, per esempio, telecamera e smart speaker.

Esistono anche alcune funzionalità sperimentali, per esempio una skill di Alexa, che permettono usare i dispositivi echo come baby monitor rilevando il rumore. Ma francamente, l'idea di affidare la salute dei più piccoli a una funzione in fase di sperimentazione sembra un po' eccessiva.

Telecamere

Anche se in alcuni casi il tema delle telecamere sembra sovrapporsi a quello dei baby monitor, in realtà se abbiamo un po' di voglia e possibilità di scegliere i prodotti abbiamo la possibilità di mettere insieme un sistema di controllo migliore e più economico, soprattutto per i neonati. Se il tradizionale baby monitor audio infatti è praticamente insostituibile, soprattutto per l'affidabilità con cui ci segnala eventuali comportamenti anomali del neonato, dal punto di vista delle telecamere possiamo utilizzare prodotti dedicati alla videosorveglianza con risultati spesso ancora migliori e più economici. Prodotti come Tapo C200 di Tp-Link dispongono di visione notturna, microfono, riproduzione audio e spostamento motorizzato. Insomma, tutto quello che serve per tenere d'occhio la camera dei bambini dalla culla ai primi giochi, con una spesa inferiore ai 40 euro. 

Camera bambini telecamere

envelope-ofacebook