Cresce la Contactless Economy, nella vita di tutti i giorni e nella Smart Home

La Contactless Economy si sta imponendo sempre più sul mercato, erodendo spazio all’uso per le transizioni economiche di contanti e carte di credito

La Contactless Economy, ovvero l'uso dei dispositivi mobili per eseguire pagamenti e altre operazioni, è in forte crescita. Da molti anni sono disponibili soluzioni in questo ambito come, per esempio, la funzione NFC, già presente in molti smartphone e con la quale possiamo eseguire pagamenti usando il dispositivo al posto della carta di credito. A livello europeo la normativa PCI DSS 2 del 2018 ha poi permesso l’ingresso degli operatori digitali nel settore dei pagamenti, e tutto il settore sta vivendo momenti di forte espansione.

Il futuro della Contactless Economy

Le previsioni scommettono su un incremento del passaggio al mobile, con conseguente aumento dei pagamenti via app/mobile, e con un corrispettivo calo dell’uso di carte e contanti, anche perché, con la presenza del Covid-19, sono ritenute dei possibili veicoli d’infezione.

Da uno studio dell’Osservatorio Innovative Payments del Politecnico di Milano, “nel 2019 i pagamenti con carta in Italia sono saliti a 270 miliardi di euro, con una crescita annua del +11%, con un valore medio di ogni transazione in calo, intorno ai 53,7 euro. Tra i pagamenti con carta, è cresciuto il Contactless, arrivato a 63 miliardi di euro (nel 2018 era 40,5 miliardi di euro) e circa 1,5 miliardi di transazioni nel 2019 (+67% rispetto al 2018).”

Anche nel retail sono in atto forti cambiamenti, e potremmo assistere a un consistente passaggio dagli acquisti dal punto vendita fisico a quello online. La consegna della merce è supportata già da molti “drop-off point”, che usano per l’autenticazione e il pagamento contactless il mobile. Negli uffici, il cellulare e il contactless diventerà uno strumento di autenticazione per operazioni come pagamenti alla macchina del caffè, uso della fotocopiatrice, ufficio senza chiave, assegnazione della sala riunioni. E questi sono solo alcuni e più immediati esempi.

Le soluzioni contactless di Fantini Cosmi

Questa evoluzione è stata fatta propria anche in Fantini Cosmi. Per esempio, nel settore della gestione del comfort degli ambienti, l’app Intelliclima+ ci permette di gestire dal cellulare dei termostati smart. Un’altra soluzione è quella dei termostati NFC, in grado di gestire la temperatura tramite connessione di prossimità.

Un altro aspetto della Contactless Economy è legato all’uso delle interfacce vocali, come quelle garantite da Google Assistant e Alexa. Anche in questo settore i prodotti di Fantini Cosmi possono accrescere l’integrazione con i sistemi vocali permettendo, per esempio, la regolazione della temperatura tramite voce. Con lo smartphone, inoltre, possiamo eseguire operazioni più articolate e complesse tramite un unico punto di contatto e limitando drasticamente il rischio di toccare superfici potenzialmente infette.

I nuovi modelli d’interazione e il crescere dei servizi contactless stanno incentivando sempre maggiori ricerche e sviluppi in questo settore, e sicuramente un futuro che è ormai prossimo ci porterà grandi novità sul piano delle interfacce senza contatto.

envelope-ofacebook