Termostati e termovalvole smart - il riscaldamento si gestisce via app

Abbassa la bolletta del gas con i Termostati smart e termovalvole controllabili da remoto

Qualsiasi oggetto che troviamo in casa può essere reso "smart" grazie alla tecnologia. Lampadine, prese elettriche, tapparelle... perché non modernizzare anche il sistema riscaldamento? Grazie ai più recenti gadget è possibile rendere più moderno anche quello, sia che si tratti di un sistema autonomo, sia che si viva in un condominio con il riscaldamento centralizzato. Nella maggior parte dei casi farlo è estremamente semplice e non richiede l'intervento di un tecnico specializzato. Il costo iniziale verrà poi ammortizzato grazie alla riduzione dei consumi.

Termostati smart, perfetti per chi ha un riscaldamento autonomo

I vantaggi di avere un sistema di riscaldamento smart e connesso sono evidenti soprattutto per chi è dotato di riscaldamento autonomo. Questo perché non si sarà legati alle necessità del resto del condominio e lo si potrà gestire in totale autonomia, a seconda delle esigenze, accendendolo solo quando necessario e disattivandolo se ci si allontana, che si tratti di un'uscita di poche ore o di una gita più lunga. Vero che anche i classici sistemi possono essere programmati, ma volete mettere la comodità di poter lanciare un'app sullo smartphone e poter dire "hey, fra 3 ore torno a casa. Fai che sia calda".

I moderni termostati tra l'altro non solo possono essere gestiti da remoto, ma tendono ad adattarsi ai comportamenti, adattando automaticamente la temperatura ai ritmi di chi vive in casa. Come possibile? Semplice: l'app segue gli spostamenti degli utenti tramite GPS, abbassando la temperatura quando non c'è nessuno in casa e alzandola nuovamente quando si rientra. Col tempo, poi, le app si adegueranno ai ritmi dei vari membri della famiglia, adattandosi alle abitudini: dopo qualche giorno di utilizzo, i sistemi più evoluti avranno appreso a che ora si esce per andare a lavorare e quando si torna, impostandosi di conseguenza. Il risultato è un risparmio evidente sulla bolletta del gas o della luce.

Sul mercato italiano i modelli più diffusi ed evoluti sono due: il termostato Nest, azienda acquisita anni fa da Google, e il termostato di Netatmo.
Di Nest esistono due versioni, il Nest Learning Thermostat e il Nest Thermostat E, leggermente più economico (219 euro contro 249).
Il primo è più evoluto, è dotato di un display leggibile a distanza e, oltre al riscaldamento, è in grado di controllare anche l'acqua calda, una funzione non disponibile sul modello E. Quest'ultimo però può essere installato in autonomia, semplicemente sostituendolo al classico termostato: un'operazione che richiede solo un cacciavite. L'installazione di Nest Learning Thermostat invece è ben più complicata, tanto che si consiglia l'intervento di un professionista.

Entrambi i modelli possono essere comandati a distanza tramite app, si adeguano alle abitudini dell'utente e possono essere comandati tramite a voce, tramite Apple Homekit, Alexa e Google Assistant.

Il termostato Netatmo condivide le stesse funzioni, anche se a nostro avviso ha un software un po' più raffinato, soprattutto per quanto riguarda le automazioni. Si installa facilmente, senza bisogno di chiamare l'elettricista, e ha un display essenziale ma molto stiloso, ideato dal designer STARK. Come prezzo, è il più economico del lotto: 179 euro.

Termovalvole smart: anche i termosifoni sono connessi

Chi vive in un condominio spesso non ha troppa libertà nel gestire le temperature domestiche, essendo legato alla caldaia centralizzata. Da ormai un paio di anni, in Italia è obbligatorio installare su ogni termosifone di questi impianti le termovalvole, che consentono di gestire la temperatura di ogni calorifero in maniera indipendente. Solitamente, però, si usano modelli standard, a controllo manuale. Questi possono essere sostituiti con estrema semplicità con dei dispositivi smart, controllabili tramite lo smartphone: basta sfilare quelli presenti e inserire quelli nuovi, spesso senza nemmeno usare un cacciavite.

Questo permette di spegnerli quando ci si trova fuori casa, per esempio quando ci si reca al lavoro o in vacanza, ottenendo un sensibile risparmio sulla bolletta del gas. Nulla impedisce poi di usare le termovalvole anche in un impianto di riscaldamento autonomo, così da poter controllare finemente la temperatura di ogni singola stanza.
Per quanto riguarda la scelta, ci sono molti modelli sul mercato. Se si ha un termostato Netatmo, la scelta migliore è abbinare le termovalvole della stessa marca, al prezzo di 79,99 euro l'una.
Valide alternative sono quelle prodotte da Honeywell, o le Eve Thermo, vendute tramite Apple Store (ma compatibili anche con Android).

envelope-ofacebook